Fondazione Italiana Verso il Futuro ONLUS

Breve storia

La Fondazione Italiana Verso il Futuro ONLUS è nata nel 1997 da un gruppo di genitori dell’Associazione Italiana Persone Down (AIPD), per rispondere in modo adeguato al problema del “Durante” e del “Dopo di Noi”. L’intento è garantire una soluzione abitativa adeguata alle persone adulte con sindrome di Down ed altre disabilità cognitive anche quando viene a mancare la famiglia. Oggi la FIVF gestisce 7 Case Famiglia nella città di Roma, di cui 3 (Casa Primula, Casa Girasoli, Casa Fiordaliso) in convenzione con il Comune di Roma, 4 autofinanziate dalla FIVF (Prati House, Casa Petunia, Casa Futura, Progetto Domus ). Ogni struttura risponde in modo specifico a diversi livelli di assistenza, ai bisogni legati alla crescita personale e all’invecchiamento assieme alle necessità legate alla convivenza di gruppo o di coppia. 30 sono le persone che vivono in modo permanente nelle nostre Case Famiglia e circa 40, dai 18 ai 50 anni, sono invece le persone inserite in percorsi di avvicinamento alla residenzialità del Progetto Domus.
I percorsi mirano al rafforzamento delle autonomie individuali delle persone con disabilità cognitiva al riconoscimento di un proprio progetto di vita al di fuori del proprio nucleo familiare. Gli interventi mirano a rafforzare le autonomie abitative delle persone con disabilità cognitiva, lavorando assieme alla rete familiare di riferimento al riconoscimento del bisogno di residenzialità.
La mission
La Fondazione Italiana Verso il Futuro Onlus mira a garantire, nel rispetto dell’individualità, della riservatezza e della dignità, il miglioramento della qualità della vita della persona con sindrome di Down o disabilità intellettiva, considerandone i bisogni psichici, fisici e sociali, attraverso un apporto educativo ed un’assistenza qualificata e costante, in stretta collaborazione con la famiglia ed i servizi del territorio. In particolare intende offrire anche in età adulta, un percorso di autorealizzazione che permetta il raggiungimento ed il mantenimento di un buon equilibrio nell’area affettiva/relazionale, in quella lavorativa/occupazionale e in quella residenziale.
La vision
La Fondazione opererà per permettere alle persone adulte con sindrome di Down o con disabilità cognitiva, di evolvere attraverso i cambiamenti personali e familiari in un percorso di vita più aderente possibile ai bisogni della persona anche nel momento in cui la persona disabile non abbia più la famiglia di origine a sostenerla. La Fondazione intende continuare ed incrementare la collaborazione con le risorse pubbliche del territorio per arrivare ad una progettualità sempre più condivisa sia nei contenuti che nelle risorse . In particolare, pur continuando a farsi portavoce dei bisogni specifici del singolo, tenderà sempre ad una complementarietà ai servizi pubblici piuttosto che ad una alternativa. La Fondazione intende mantenere un’evoluzione costante sui progetti sperimentali, al fine di trovare soluzioni sempre più rispondenti ai bisogni della persona.

Iniziative sostenute

Non è presente alcuna iniziativa al momento.

Iniziative create

Scopri di più

<<Che cosa ne sarà del futuro di mio figlio quando non ci sarò…