Informazioni sul progetto

Nel 2026 Milano sarà, insieme a Cortina, sede dei Giochi Paralimpici e Olimpici invernali. Una grande opportunità per la città che dovrà essere preparata per accogliere al meglio milioni di persone da tutto il mondo e sarà alla ribalta sulla scena internazionale.

Rendere Milano la prima città al mondo con una mappatura completa di accessibilità in previsione delle Paralimpiadi e Olimpiadi è ciò che ci prefiggiamo. Rappresenterebbe una svolta epocale a livello nazionale e internazionale in merito ai temi dell’accessibilità e dell’inclusione e diventerebbe il modello precursore per altre città in Italia, Europa e nel mondo.

Mappare e rendere disponibili sul web le informazioni di accessibilità dei luoghi (servizi di trasporto pubblico, luoghi di interesse turistico, strutture ricettive, ristoranti, negozi, attività di servizi alla persona) permetterebbe a chi ha delle esigenze specifiche di potersi muovere consapevolmente potendo scegliere ciò che è maggiormente compatibile con le proprie necessità.

Un beneficio concreto per i suoi abitanti, per chi vi è di passaggio per lavoro nonché per il turista. Un progetto che, attraverso l’istituzione di una nuova figura professionale (il rilevatore qualificato o addetto alle operazioni di rilevazione dati), porta anche alla creazione di occupazione, in particolar modo per i giovani, i disoccupati e per le categorie svantaggiate, e, in generale, alla positiva ricaduta sull’economia.

Milano città accogliente ed inclusiva, attenta alle esigenze specifiche di tutti e tutte e all’avanguardia in merito ad accessibilità. Una finestra sul mondo per promuovere la cultura dell’inclusione. Questo è l’obiettivo finale del nostro progetto.

Con questa campagna vogliamo finanziare le attività di avviamento del progetto, sostenere i costi iniziali, preparare un progetto da presentare all’Amministrazione Comunale di Milano

Motivazioni

Inclusione, Consapevolezza, Occupazione, Accessibilità

Video