Informazioni sul progetto

“Stiamo facendo in modo di ridurre ampiamente la distruzione della nostra foresta. La protezione della nostra terra e della sua biodiversità è sempre stata e sempre sarà la nostra battaglia.”  – Guardiani dell’Amazzonia

In Brasile, ogni minuto viene distrutta un’area di foresta amazzonica grande quanto un campo di calcio. In prima linea, per cercare di contrastare questo terribile fenomeno frutto di mirate politiche governative, ci sono i popoli indigeni. Tra loro, i Guardiani dell’Amazzonia: un gruppo di Indiani brasiliani incredibilmente coraggiosi e fonte di grande ispirazione per tutti.

I Guardiani dell’Amazzonia rischiano quotidianamente la loro vita per salvare la loro foresta dalla distruzione. Lottano per difendere i polmoni del nostro pianeta, la loro casa amazzonica, e le vite delle loro famiglie e dei loro parenti incontattati, gli Awá.

Da diversi anni, i Guardiani pattugliano il loro territorio, nell’Amazzonia orientale, che è invaso in modo massiccio da trafficanti di legno illegali. Qui, nel territorio indigeno di Arariboia, sono stati uccisi almeno 4 Guardiani. L’ultimo omicidio è avvenuto il primo novembre: in un’imboscata letale di invasori armati, è stato ucciso Paulo Paulino Guajajara. Il suo amico e collega, Tainaky Tenetehar, ha riportato gravi ferite ma è fortunatamente riuscito a fuggire. Paulino era nostro amico e alleato. La sua uccisione è una tragica perdita per i Guardiani, per gli Awá, per l’Amazzonia e per tutti noi.

Nessuno dovrebbe correre il rischio di perdere la vita per voler difendere la propria foresta. Ma gli attacchi ai popoli indigeni sono drammaticamente aumentati con le politiche razziste e anti-indigene dell’attuale governo brasiliano che incoraggia i violenti accaparratori di terra a derubare i popoli indigeni di terre e risorse.

Survival International, il movimento mondiale per i popoli indigeni, sostiene i Guardiani dell’Amazzonia, fornisce loro equipaggiamenti tecnici e spazi sulla piattaforma #TribalVoice, da cui possono parlare di ciò che è più importante per loro; svolge attività di advocacy a livello internazionale, documenta e denuncia le atrocità commesse contro di loro e si attiva direttamente per fermarle. Survival ha 50 anni di esperienza nel condurre campagne efficaci, che danno risultati. Dal 1969, lavorando insieme ai popoli indigeni, ha condotto con successo più di 50 campagne nel solo Brasile, e centinaia in tutto il mondo. Ha fermato trafficanti di legno, minatori e compagnie petrolifere impedendo loro di distruggere le terre indigene e ha persuaso i governi a riconoscere i diritti degli indigeni.

“Non ci sono parole abbastanza forti per ringraziare Survival adeguatamente per tutto quello che fa per proteggere la nostra foresta” – Olimpio Guajajara, Coordinatore dei Guardiani dell’Amazzonia

Survival continua a lottare a fianco dei popoli indigeni e con il vostro aiuto può mettere fine alle politiche genocide del governo Bolsonaro e sostenere concretamente i Guardiani nella tutela della loro casa, la foresta amazzonica.

“È semplicemente una questione di vita o di morte, per noi, per i nostri parenti e per le generazioni future. Combatteremo fino all’ultima goccia del nostro sangue. E vinceremo. La salute del pianeta dipende da questa lotta.”

PS: Per preservare integrità e indipendenza, Survival non accetta denaro dai governi. Per finanziare il nostro lavoro e prevenire lo sterminio dei popoli indigeni, dipendiamo da te!

Motivazioni

Survival, con il vostro aiuto può mettere fine alle politiche genocide del governo Bolsonaro e sostenere concretamente i Guardiani nella tutela della loro casa, la foresta amazzonica.

Ultime donazioni

da Anonimo
Anonimo
13 dicembre 2019 10 Euro
Antonella
Antonella
11 dicembre 2019 10 Euro
da Anonimo
Anonimo
03 dicembre 2019 10 Euro
da Anonimo
Anonimo
03 dicembre 2019 20 Euro