Informazioni sul progetto

TUTTI I PROGETTI NASCONO DA UNA STORIA…

The Wheelchair Repair and Maintenance Program

La storia del Centre for Disabled Children Assistence (CDCA) e dei suoi ragazzi comincia tra lo smog, le strade sovraffollate e il caos assordante dei motorini di Kathmandu. 

In una città in cui confusione e povertà, purtroppo, si possono ascoltare e vedere all’angolo di ogni strada, un piccolo centro di accoglienza inizia a farsi spazio per promuovere uguaglianza, rispetto, dignità ed inclusione dove prima non c’era altro che abbandono. 

Ecco che da quel piccolo centro, oggi, è nata una vera e propria comunitĂ  che ospita tantissimi laboratori didattici, alloggi solidali e uno spazio di accoglieza diurna per ragazze e ragazzi con disabilitĂ  fisiche e motorie da tutta la regione circostante la capitale nepalese. (Per sapere di piĂą sulla storia del CDCA continuate a leggere…).

Tra tutte le attività proposte all’interno del centro, una in particolare ci ha profondamente colpito durante la nostra visita dello scorso anno: il Wheelchair Repair and Maintenance Program.  

Nato da una delle tante iniziative portate avanti da una guida locale, Mr. Dandy Sherpa, ora fondatore e presidente del Centre for Disabled Children Assistence, il Wheelchair Repair Program è un progetto che coinvolge 3 ragazzi del centro costretti su sedia a rotelle che in questo momento gestiscono una vera e propria officina di riparazione di dispositivi per lo spostamento di persone con handicap e, indovinate un po’… la loro attivitĂ  principale è l’assemblaggio e la manutenzione di sedie a rotelle!

 

L’importanza del presente progetto è cruciale non solo per i ragazzi del centro, ma per la comunitĂ  nepalese in generale. Il servizio offerto da parte del CDCA offre la possibilitĂ  di procurare e riparare materiali ausiliari e di supporto alla disabilitĂ  fisica sia ai ragazzi del centro, che a privati. Questo tipo di servizio, purtroppo, è estremamente limitato in Nepal, nonostante ci sia un’esigenza pressante di attivitĂ  relative all’inclusione sociale di soggetti svantaggiati. Basti pensare che nell’ultimo mese, gli operatori del Wheelchair Repair Program hanno ricevuto l’incarico da parte del principale ospedale di Kathmandu di realizzare 50 sedie a rotelle da utilizzare nei loro reparti.

In questo senso, l’esempio ed i servizi proposti dal CDCA sono unici nel loro genere. Infatti negli anni, il CDCA ha saputo garantire a centinaia di persone con disabilita fisica materiali all’avanguardia, funzionali e di primaria necessità, interamente prodotti e realizzati da persone che possiamo definire tra le più competenti in materia, ovvero i giovani disabili del CDCA. 

I ragazzi, formati internamente al CDCA e supervisionati da professionisti, lavorano seguendo la legislazione nepalese e grazie al lavoro svolto riescono anche a percepire una retribuzione che gli permette di essere dei cittadini autonomi. Questo progetto non solo garantisce un sostentamento pratico ed economico importante ai lavoratori disabili ed al CDCA, ma produce un impatto sociale senza precedenti per la comunità.  

Purtroppo, i costi di gestione sono diventati sempre piĂą alti, a causa della diffusione del Covid-19 in un paese, il Nepal, che ora conta piĂą di 170.000 casi positivi.

Le spese relative all’approvvigionamento energetico, l’apertura del centro e alle entrate ridotte durante il periodo di lockdown, rappresentano  una minaccia diretta al mantenimento di questo progetto di fondamentale importanza. 

Senza il vostro aiuto il Wheelchair Repair and Maintenance Program rischia di chiudere da un giorno all’altro!

Ecco a cosa servirĂ  la vostra donazione per la campagna #GivinAround Wheelchair.

La vostra donazione sarĂ  fondamentale per contribuire alle spese di:

  • produzione, manutenzione e riparazione di materiali ausiliari di assistenza alla disabilitĂ  fisica (sedie a rotelle, protesi);
  • corsi di formazione per i ragazzi disabili;
  • pagamento del personale che supervisiona il progetto.

Sostenendo questo progetto, non solo aiuterete a far sopravvivere una iniziativa unica di innovazione sociale nel Terzo Mondo, ma sosterrete anche tutti i ragazzi che sono impiegati nell’officina di riparazione e di tutte quelle persone disabili che adesso, in Nepal, necessitano di carrozzine e di strumenti di deambulazione per potersi muovere.

Non siamo i soli a vivere una situazione drammatica, aiutiamo a far camminare progetti che aiutano la vita di molte persone.

La storia dell’associazione:

L’associazione Centre for Disabled Children Assistence (CDCA) è una NGO Nepalese con la quale noi di Plannin’Around, abbiamo avviato una collaborazione negli ultimi mesi. 

Il CDCA è situato a pochi chilometri dal centro di Kathmandu, fondato ed ufficialmente riconosciuto nel 2006 grazie agli sforzi ed alla lungimirante visione del responsabile amministrativo del centro, Mr. Dendi Sherpa.

Da più di quindici anni, Dendi Sherpa ed i suoi collaboratori si occupano di offrire la possibilità ai bambini e giovani con disabilità nati nei più remoti villaggi nepalesi, contesti caratterizzati da estrema povertà, mancanza di servizi e stigmatizzazione verso “il diverso”, di accedere ad una vita sociale inclusiva ed a regolari percorsi scolastici. Difatti, il centro offre un’esperienza di vita unica, garantendo ai ragazzi uno spazio di vita ed incontro sociale giornaliero, un’alimentazione regolare ed attenta, assistenza sanitaria e psicologica, regolari percorsi formativi in linea con le norme statali e l’opportunità di prendere parte ad attività extra scolastiche ludiche e inclusive. I progetti proposti all’interno del centro sono molteplici, ed offrono la possibilità ai giovani di poter non solo esprimere le proprie qualità in un ambiente sicuro, inclusivo e resiliente, ma soprattutto di poter mettere in pratica le proprie capacità, costruendo e sviluppando i propri sogni. 

Per Dendi Sherpa e la sua comunità, la disabilità rappresenta una risorsa, un punto di forza, di unicità e bellezza, ed i risultati ne dimostrano appieno lo sforzo e l’efficacia.

I progetti extra-scolastici che da anni vengono sviluppati dai Ragazzi del CDCA comprendono attività sportive, corsi di costruzione e manutenzione di sedie a rotelle ed accessori ausiliari di supporto alla disabilità fisica, corsi di sartoria, di giardinaggio, di riabilitazione motoria, di scrittura creativa e disegno, tutti interamente realizzati all’interno dello spazio polifunzionale del centro. Il supporto dei giovani è garantito da educatori sociali e tutor che precedentemente hanno vissuto e si sono formati all’interno del CDCA. 

Il CDCA viene da anni supportato economicamente dalla onlus italiana Friuli Mandi Nepal Namaste, nostra partner per i progetti in Nepal. Negli anni, l’associazione friulana ha saputo provvedere parzialmente alle spese di sussistenza del centro, garantendo allo stesso tempo visite annuali da parte di fisioterapisti e medici, al fine di supportare i programmi di riabilitazione psico-fisica attivi. Lo scorso anno, noi di Plannin’Around abbiamo visitato il CDCA, e siamo rimasti profondamente colpiti dal lavoro di questa piccola ma laboriosa impresa sociale. Per questa ragione, abbiamo deciso di dare il nostro contributo!

Purtroppo, il COVID-19 ha travolto il Nepal senza pietà negli ultimi mesi. La chiusura delle attività lavorative e scolastiche ha messo in ginocchio una realtà che, dopo aver subito le conseguenze di un terribile terremoto nel 2015, si trova oggi in uno stato di allarmante vulnerabilità e povertà. Il CDCA, tristemente, ha dovuto notevolmente ridurre la propria attività, ma sta lentamente assorbendo il colpo. Ad ogni modo, la chiusura delle scuole, la mancanza di supporto economico dallo stato, in aggiunta ad i costi di gestione per gli spazi e le risorse alimentari/sanitarie necessarie per sostenere i ragazzi, minacciano direttamente la comunità del CDCA. 

Per questa ragione ed in seguito ad un quotidiano dialogo con Dendi Sherpa sulle esigenze primarie del centro, abbiamo deciso di supportare un progetto chiave del CDCA, ovvero quello di costruzione e manutenzione di sedie a rotelle ed accessori ausiliari di assistenza motoria. 

Qui potete trovare il video del centro realizzato dai suoi ragazzi! 

Contatti:

Per chiunque fosse interessato ad avere più informazioni a riguardo dei progetti attivi e del lavoro svolto da noi di Plannin’Around e dal CDCA, qui di seguito trovate i nostri contatti! 

  • Plannin’Around:

  • CDCA:

 

Motivazioni

In questo senso, l’esempio ed i servizi proposti dal CDCA sono unici nel loro genere. Infatti negli anni, il CDCA ha saputo garantire a centinaia di persone con disabilita fisica materiali all’avanguardia, funzionali e di primaria necessità, interamente prodotti e realizzati da persone che possiamo definire tra le più competenti in materia, ovvero i giovani disabili del CDCA.  I ragazzi, formati internamente al CDCA e supervisionati da professionisti, lavorano seguendo la legislazione nepalese e grazie al lavoro svolto riescono anche a percepire una retribuzione che gli permette di essere dei cittadini autonomi. Questo progetto non solo garantisce un sostentamento pratico ed economico importante ai lavoratori disabili ed al CDCA, ma produce un impatto sociale senza precedenti per la comunità.  

Ultime donazioni

da Anonimo
Anonimo
09 novembre 2020 5 Euro
Francesca
Francesca
04 novembre 2020 10 Euro
lamberto
lamberto
04 novembre 2020 100 Euro
da Anonimo
Anonimo
03 novembre 2020 20 Euro
da Anonimo
Anonimo
03 novembre 2020 15 Euro